Juse | Manduria

In All Regions, COVID19, Europe, Italy by COVID-19 STORIES

COVID-19 STORY

Ormai le mie serate in quarantena, immobile sul divano, si stanno trasformando in performace artistiche da far invidia a Marina Abramović.

In realtà, non è che questa reclusione forzata abbia poi sconvolto tanto la mia frizzante esistenza. Al netto del lavoro che mi tocca fare, anche prima della pandemia, le mie giornate sembravano la sceneggiatura di un film di Sofia Coppola sotto barbiturici e il mio sogno proibito era quello di dedicarmi anima e corpo all’analisi dei fenomeni di attrito delle particelle organiche delle mie chiappe al tessuto del divano.

In sintesi, sono stato sempre profondamente, consapevolmente e orgogliosamente accidioso, tanto che il mio professore del liceo amava appellarmi bonariamente “Oblomov”.

Ma a pensarci bene, qualche cambiamento l’ho avvertito: 1) Prima prendevo il caffè per fumare la sigaretta, mentre ora mi accendo la sigaretta in attesa del caffè per poi fumarmi una sigaretta; 2) le farmaciste (sarà per la mascherina che dona loro un aspetto esotico) non mi sono mai sembrate così sexy; 3) quando esco per andare a comprare il tabacco o a fare la spesa mi sento una sorta di partigiano del terzo millennio (ai posteri potrò raccontare di quella volta in cui spavaldo sfidai la morte per andare al Famila); 4) il desiderio sessuale si è decisamente alterato e ormai pratico autoerotismo senza l’ausilio delle mani per una questione igienico/sanitaria; 5) per razionalizzare il cibo, riesco a calcolare a vista l’esatta quantità di pasta per due persone; 6) in assenza di animali domestici, sto riversando il mio affetto verso i batteri del botulino che prosperano felici in un vasetto di melanzane sott’olio del lontano 2013; 7) ho cominciato ad interagire anche con le piante ed un’orchidea rinsecchita mi ha sovrastato sul piano dialettico; 8) ho ascoltato una proposta telefonica fino alla fine senza riagganciare.

Ma soprattutto questa situazione mi sta insegnando una cosa: ora che non vado a fare colazione al bar, a mangiare nei ristoranti o ad alcolizzarmi nei pub, ora che non vado al cinema, a teatro, ai concerti, oh, alla fine sto risparmiando un botto e finalmente, se sopravvivo a questa lurida bestia chiamata COVID-19, potrò finalmente permettermi un viaggio degno di nota all’estero…magari a Wuhan.

SHARE THE STORY

ALL COVID19
Italy
Africa
Asia
Europe
North America
Oceania
South America
Mar
27
2020

Laura | Macerata

COVID-19 STORY Mi chiamo Laura e vivo a Macerata. Questo virus sembra proprio indossare una corona, così come la...

Mar
23
2020

Alejandra | Barcelona

COVID-19 STORY Soy mamá de una peque de 18 meses, mi pareja esta aislada y yo tuve que cerrar mi negocio y hacerme...

Mar
23
2020

Un pugliese a Milano | Milano

COVID-19 STORY Siamo a Milano, io e mia moglie, ormai i casi di Covid non si contano più. La città è strana, è...

Mar
22
2020

Mike Gregucci | Grottaglie

COVID-19 STORY Come dice Pirandello: l’unico modo per essere soli, nella vera solitudine, è sbarazzandosi del sé...

Mar
21
2020

Sylvie | Taranto

COVID-19 STORY Stati d’ansia. Lou X aveva ragione. Nessuna colonna sonora più adatta a questi giorni. Siamo...

Mar
20
2020

Juse | Manduria

COVID-19 STORY Ormai le mie serate in quarantena, immobile sul divano, si stanno trasformando in performace...

Mar
20
2020

Roberta Trani | Grottaglie

COVID-19 STORY Sono una fotografa: la mia missione è parlare di luce, anche quando questa è impercettibile a occhio...

Mar
20
2020

Valentina | Fragagnano

COVID-19 STORY Day 11 Ho perso le misure di un abbraccio. Non ricordo i centimetri esatti nè i centimetri della...

Mar
19
2020

Marta | Como

COVID-19 STORY ore 22.38 Giovedì 19 Marzo 2020 Come la racconto questa storia? forse posso iniziare da questa...

Mar
19
2020

Francesca | Grottaglie

COVID-19 STORY Già da qualche anno ho imparato a non preoccuparmi troppo per il futuro perché puntualmente proprio...

Mar
19
2020

laura angelucci | roma

COVID-19 STORY La vista dal mio balcone sta diventando il modo per connettermi con il mondo esterno, ho...

Mar
19
2020

Davide | Martina Franca

COVID-19 STORY Voglio scrivere due cose sull’ansia. Perché in questi ultimi anni l’ho guardata negli...

Mar
19
2020

Carmen | Grottaglie

COVID-19 STORY Ha falsato la nostra vita e gioca con le misure. Il tempo non cavalca come qualche giorno fa e...

Mar
18
2020

Danilo | Pino Torinese

COVID-19 STORY Penso a come eravamo prima – com’ero prima? Percepisco come siamo adesso – come sono...

Mar
18
2020

Giorgio Consoli | TARANTO

COVID-19 STORY Non avrei mai pensato di indossare i panni scomodi del profetico autore. Il 31 gennaio con la mia...

Mar
18
2020

LEO | SAN MARZANO

COVID-19 STORY Sono un vichingo che canta…Je n’ai pas peur de la route Faudrait voir, faut qu’on...

Mar
18
2020

Gianmarco Morea | Bari

COVID-19 STORY Il  giorno prima del blocco nazionale ero in ospedale a subire mille controlli (uscendone con le...

Mar
18
2020

Federica | Grottaglie

COVID-19 STORY Questa quarantena è arrivata in momento in cui avevo voglia di fare tantissime cose e condividerle...

Loading...