Federica | Grottaglie

In Open Calls by coca project

COVID-19 STORY

Questa quarantena è arrivata in momento in cui avevo voglia di fare tantissime cose e condividerle con chi mi stava accanto.
Eppure, nonostante abbia frenato praticamente la mia vita sociale e lavorativa…mi ha costretta a riflettere. Ormai sono innumerevoli le volte in cui mi sono bloccata a guardare il soffitto, innumerevoli le volte in cui ho ascoltato le stesse canzoni e innumerevoli le volte in cui ho aperto il frigo sperando di trovare qualcosa di diverso dalla volta prima.
Ci sono anche i risvolti comici. Senti frequentemente tutti gli amici che solitamente chiameresti una volta al mese e tutte le volte la telefonata inizia con un “che combini?” seguito da risposte più o meno esilaranti e inaspettate.
Oppure, quando la voglia di incontrarsi realmente si fa forte…elaborare missioni improbabili per eludere le restrizioni del decreto che ci costringe alla solitudine, che hanno come unico scopo quello di farci una sana risata.
Insomma, ricorderò questo momento storico come “quella volta che costretta a stare con me, sono stata arrabbiata, annoiata, divertita, innamorata…”.

SHARE THE STORY

[the_grid name=”COVID19″]

Federica | Grottaglie

In Open Calls by coca project

COVID-19 STORY

Questa quarantena è arrivata in momento in cui avevo voglia di fare tantissime cose e condividerle con chi mi stava accanto.
Eppure, nonostante abbia frenato praticamente la mia vita sociale e lavorativa…mi ha costretta a riflettere. Ormai sono innumerevoli le volte in cui mi sono bloccata a guardare il soffitto, innumerevoli le volte in cui ho ascoltato le stesse canzoni e innumerevoli le volte in cui ho aperto il frigo sperando di trovare qualcosa di diverso dalla volta prima.
Ci sono anche i risvolti comici. Senti frequentemente tutti gli amici che solitamente chiameresti una volta al mese e tutte le volte la telefonata inizia con un “che combini?” seguito da risposte più o meno esilaranti e inaspettate.
Oppure, quando la voglia di incontrarsi realmente si fa forte…elaborare missioni improbabili per eludere le restrizioni del decreto che ci costringe alla solitudine, che hanno come unico scopo quello di farci una sana risata.
Insomma, ricorderò questo momento storico come “quella volta che costretta a stare con me, sono stata arrabbiata, annoiata, divertita, innamorata…”.

SHARE THE STORY

[the_grid name=”COVID19″]