Ezia Mitolo | Taranto

In All Regions, COVID19, Europe, Italy by COVID-19 STORIES

COVID-19 STORY

Racconto la mia storia di quarantena mentre ascolto ininterrottamente da due giorni le mie voci di bambina, di adolescente e di donna matura registrate con un mini registratore sequestrato a mio fratello (l’aveva avuto in regalo alla sua prima comunione negli anni 70, tesoro, sorelle maggiori power!).Ho tutto il tempo mio, ed allora questo era uno degli innumerevoli  impegni e propositi, sempre rimandati da secoli, che avevo scritto di portare a termine nella lunga “lista” stilata all’inizio della quarantena: digitalizzare tutte le cassette audio: ho quasi finito tutto. Ottimo lavoro, no scleri, no “poi le finisco un’altra volta”, lasciando puntualmente il lavoro a metà. Adesso è dolcezza della quiete e gusto del compimento, inizio, e finisco. In pace, perché il tempo è mio. Questo è il regalo più prezioso offerto dalla terribile pandemia.

Vivo da sola con la mia adorata cagnetta Nina, per fortuna in una casa grande e luminosa che negli ultimi anni soprattutto, è diventata il proseguimento del mio studio che è al piano terra dello stesso palazzo in cui abito. Sculture giù, disegni, computer, progetti, su. Mi manca solo viaggiare; ma viaggio con la testa.

Questi giorni scorrono e sono seduta su un’altalena, dondolo veloce e propositiva mentre faccio cose, mi fermo quasi, se piango assorbendo tutto il dolore, rallento, se assalita dalla malinconia di solitudine per questa insolita lontananza dal resto della mia famiglia e dai cari amici. Ma dondolo, comunque mi muovo tra il sopra e sotto della mia testarda volontà di reagire emotivamente e fattivamente (sorridendo anche) a questa nuova vita sorprendentemente surreale (ci pensate a quando ricorderemo tutto questo?).

La mia benedetta creatività scatenata mi salva ogni giorno, all’inizio del blocco a casa mi sentivo impazzire dal rumore del cervello che frullava intemperante mille idee, gridavo inquieta sì a tutto, “posso fare questo…sì!”, “quest’altro, sì!”, “inizio allora, e inizio anche questo, inizio, inizio, inizio!”; poi la lista mi è corsa in aiuto, lungo elenco utile non a riempire il tempo ma ad ottimizzarlo, elenco da sbirciare, a seconda degli umori individuo voci, voci che poi spunto, a cosa fatta, con grande soddisfazione. Pensavo che, In fondo, a parte il profondo dolore e ansia strettamente legati al virus ed alle scene apocalittiche delle città deserte e popolate di sparuti musetti bianchi, la mia vita non avrebbe subito modifiche eclatanti: amo stare a casa, perché sono io la mia casa, posso contare ogni momento su questi muri e mobili pieni di oggetti vecchi e nuovi, la mia casa è abbraccio e soccorso.

E così è stato, così è. Sono ancora su quell’altalena a dondolare, con Nina che mi salta sulle gambe e lascia svolazzare, complice, insieme ai miei vestiti, le sue grandi orecchie, nel vento del movimento. E dondolo, nell’attesa di scendere senza ansia dell’attesa, so che scenderò, non posso sapere quando e come, ma intanto mi lascio dondolare.

 

 

SHARE THE STORY

ALL COVID19
Italy
Africa
Asia
Europe
North America
Oceania
South America
Apr
08
2020

Alberto | Bologna

COVID-19 STORY Ciao a tutti, mi chiamo Alberto e vivo a Bologna. La storia più bella che potrei raccontarvi è che...

Apr
07
2020

Ezia Mitolo | Taranto

COVID-19 STORY Racconto la mia storia di quarantena mentre ascolto ininterrottamente da due giorni le mie voci di...

Mar
27
2020

Laura | Macerata

COVID-19 STORY Mi chiamo Laura e vivo a Macerata. Questo virus sembra proprio indossare una corona, così come la...

Mar
23
2020

Alejandra | Barcelona

COVID-19 STORY Soy mamá de una peque de 18 meses, mi pareja esta aislada y yo tuve que cerrar mi negocio y hacerme...

Mar
23
2020

Un pugliese a Milano | Milano

COVID-19 STORY Siamo a Milano, io e mia moglie, ormai i casi di Covid non si contano più. La città è strana, è...

Mar
22
2020

Mike Gregucci | Grottaglie

COVID-19 STORY Come dice Pirandello: l’unico modo per essere soli, nella vera solitudine, è sbarazzandosi del sé...

Mar
21
2020

Sylvie | Taranto

COVID-19 STORY Stati d’ansia. Lou X aveva ragione. Nessuna colonna sonora più adatta a questi giorni. Siamo...

Mar
20
2020

Juse | Manduria

COVID-19 STORY Ormai le mie serate in quarantena, immobile sul divano, si stanno trasformando in performace...

Mar
20
2020

Roberta Trani | Grottaglie

COVID-19 STORY Sono una fotografa: la mia missione è parlare di luce, anche quando questa è impercettibile a occhio...

Mar
20
2020

Valentina | Fragagnano

COVID-19 STORY Day 11 Ho perso le misure di un abbraccio. Non ricordo i centimetri esatti nè i centimetri della...

Mar
19
2020

Marta | Como

COVID-19 STORY ore 22.38 Giovedì 19 Marzo 2020 Come la racconto questa storia? forse posso iniziare da questa...

Mar
19
2020

Francesca | Grottaglie

COVID-19 STORY Già da qualche anno ho imparato a non preoccuparmi troppo per il futuro perché puntualmente proprio...

Mar
19
2020

laura angelucci | roma

COVID-19 STORY La vista dal mio balcone sta diventando il modo per connettermi con il mondo esterno, ho...

Mar
19
2020

Davide | Martina Franca

COVID-19 STORY Voglio scrivere due cose sull’ansia. Perché in questi ultimi anni l’ho guardata negli...

Mar
19
2020

Carmen | Grottaglie

COVID-19 STORY Ha falsato la nostra vita e gioca con le misure. Il tempo non cavalca come qualche giorno fa e...

Mar
18
2020

Danilo | Pino Torinese

COVID-19 STORY Penso a come eravamo prima – com’ero prima? Percepisco come siamo adesso – come sono...

Mar
18
2020

Giorgio Consoli | TARANTO

COVID-19 STORY Non avrei mai pensato di indossare i panni scomodi del profetico autore. Il 31 gennaio con la mia...

Mar
18
2020

LEO | SAN MARZANO

COVID-19 STORY Sono un vichingo che canta…Je n’ai pas peur de la route Faudrait voir, faut qu’on...

Mar
18
2020

Gianmarco Morea | Bari

COVID-19 STORY Il  giorno prima del blocco nazionale ero in ospedale a subire mille controlli (uscendone con le...

Mar
18
2020

Federica | Grottaglie

COVID-19 STORY Questa quarantena è arrivata in momento in cui avevo voglia di fare tantissime cose e condividerle...

Loading...