FASE 1 2020

Autoritratto introspettivo eseguito ad olio su un cartoncino telato, 24×30 cm.

Realizzato nel marzo del 2020, a cavallo tra la fine della fase 1 e l’inizio della fase 2, che a causa dei continui rimandi tardava ad arrivare.

Attraverso l’uso di oggetti comuni, l’opera enfatizza la sensazione di claustrofobia, provata in un periodo in cui le pareti della propria casa si erano trasformate in recinti di una gabbia dorata, dove, fortunatamente, ci si ritrovava circondati dai proprio beni. L’ unico contatto fisico con l’esterno era dato dal continuo sali e scendi sulle scale di casa, per poter ritirare qualche pacco dal corriere, diventato ormai parte integrante della famiglia.
Ed infine, la mascherina, puro simbolo di speranza oltre che chiaro rimando temporale, unico mezzo che per quanto fastidioso, potesse lasciarti godere dell’ ora d’aria nelle file interminabili per poter entrare in un supermercato.

FASE 2 – rinforzata 2021

Autoritratto introspettivo eseguito su carta, 24 x 30 cm

Realizzato nel gennaio 2021, durante un periodo caratterizzato da un continuo alternarsi di momenti di libertà con quarantene cautelari.
In particolare, l’ opera mostra un momento specifico di una quarantena familiare. La divisione degli spazzolini in contenitori differenziati, rappresenta il primo momento di una sere di cambiamenti che riguardano una famiglia, costretta a dividersi all’interno della stessa casa, nel quale un membro risulta positivo.
Diversamente dalla prima quarantena collettiva, la reclusione attuale si mostra come una situazione molto più individuale, che per quanto claustrofobica viene enfatizzata dal continuo desiderio di evasione dalla propria camera, in contrapposizione con il resto della società che continua a vivere liberamente la propria vita.

Note: The text above was written by the Artist. No modification was made by COCA.

Rossella Dinuzzi

Italy

Nata nel 1999, è una studentessa pugliese attualmente iscritta al terzo anno di Pittura all’ Accademia di belle arti di Foggia.

I suoi lavori sono stati esposti in una collettiva d’arte nel foggiano, e nella rivista Art-now, sul numero di Luglio/Agosto 2020.

Attraverso uno stile pittorico realistico, in questi lavori si è concentrata sul tema della Solitudine, sentimento con il quale si è stati costretti a convivere a causa dello scoppio della pandemia. I soggetti protagonisti, in entrambe le opere, sono oggetti di uso quotidiano, che si fanno quindi portatori di un messaggio introspettivo, focalizzato sull’elaborazione interiore di forti eventi a lei vicini.

I due lavori sono stati realizzati in momenti differenti: il primo nel marzo del 2020, a seguito dell’ inizio della fase 2, mentre il secondo è stato realizzato nel gennaio 2021, altamente influenzato da continue quarantene cautelari e da zone multicolori, che in poco tempo tendono al rosso rafforzato.

Share this Artist