Perchè si sappia 2018

“Perchè si sappia” è la prima frase del diario di
Luciano Bergonzini. Scritta su una pagina bianca, isolata dalle altre, introduce un racconto intimo, la storia di un gruppo di amici, ma anche collettivo perchè parla di una guerra sanguinosa che ha distrutto il nostro paese. “Perchè si sappia” è il titolo e contenuto dell’installazione che dà voce a una doppia spinta: il voler li berare la memoria e il volerla mettere in custodia nei cuori e nelle menti di chi “non sa”. Un filo rosso intrecciato nello spazio crea “una
trappola per la memoria”. Centinaia di fogli,
copie delle pagine del diario di Bergonzini,
completano l’installazione, appesi e legati al
filo. Il contenuto del diario è divulgato tramite
delle buste di carta contenenti frammenti del
testo, che in maniera casuale verranno scelte e
lette dal pubblico. La storia, così ricomposta,
raccontata, frammentata come costellazione, è
tenuta insieme da un filo.

Note: The text above was written by the Artist. No modification was made by COCA.

Roberta Cacciatore

Italy

https://www.instagram.com/robertacacciatore_atelier/

Roberta Cacciatore nasce a Roma nel 1992. Inizia a studiare pittura fin da bambina, si diploma al liceo artistico di Roma. Inizia a lavorare come illustratrice e studia pittura scenografica. Nel 2016 vince il concorso d'arte indetto da Mercedes Benz e la sua opera viene battuta all'asta da Christie's. Si laurea nel 2019 all'Accademia di Belle Arti di Bologna con il massimo dei voti. Frequenta il corso per curatori museali presso il Museo Zauli di Faenza e inizia a studiare ceramica. A giugno 2020 inizia a lavorare nello studio d'arte di Fiorenza Pancino a Faenza specializzandosi nell'arte della scultura ceramica. Ha partecipato alla mostra collettiva "Segni di resistenza" con un'opera site specific a palazzo poggi di Bologna e a Ferrara al progetto "Herba beta" con l'artista Andreco. Attualmente lavora come artista freelance nel suo atelier a Bologna.

Share this Artist